£0.00 (0 items)

No products in the cart.

£0.00 (0 items)

No products in the cart.

Disabili in funivia – sabato 18 aprile

Unitalsi ha scelto l’impianto di Malcesine per la prima uscita in territorio veronese

 

Unitalsi Verona – l’associazione della Curia che si occupa dell’accompagnamento di disabili e malati – ha scelto la funivia del Baldo per la sua prima escursione sul territorio veronese. Sabato 18 aprile, infatti, un gruppo di circa 30 persone, insieme a familiari e volontari, utilizzeranno gli impianti di Malcesine per una giornata in montagna, che rappresenta una novità visto che, solitamente, Unitalsi si occupa del trasporto dei malati nei pellegrinaggio a Lourdes o in altri santuari.

Ad accompagnarli sarà don Roberto Visentini, delegato del vescovo per la disabilità e le malattie mentali, che con questa escursione sul Baldo mette in pratica lo slogan deciso dall’associazione con ha sede al Centro Carraro: “Fare Lourdes nelle parrocchie perché la solitudine è più pesante della malattia”. L’intento degli organizzatori è di non lasciare soli i malati dopo le positive esperienze di viaggio nei santuari, ma di fornire altre occasioni vicino a casa per chi ha disabilità motorie, psichiche e cognitive. Al gruppo di sabato parteciperanno disabili di tutte le età, con varie malattie fra cui alcuni in carrozzina. Ogni cabina della funivia può trasportare due carrozzine. Il programma della giornata prevede l’arrivo alla stazione a valle alle 10 circa, salita a monte, pranzo e escursioni nella zona in gruppi a seconda delle possibilità motorie dei malati. L’iniziativa potrà poi estendersi anche ad altre associazioni veronesi che si occupano di disabilità.

A salutare il gruppo, oltre ai rappresentanti della Funivia di Malcesine, ci sarà anche l’assessore regionale ai Servizi sociali, Davide Bendinelli.

Presidente Daniele Polato: «Per noi la data di sabato è molto importante perché è il primo passo verso un progetto che abbiamo già condiviso con il cda. Vorremmo realizzare alla stazione a monte di Tratto Spino un primo percorso di 1.800 metri, completamente fruibile da visitatori in carrozzina, in modo da poter godere ancora di più del grande spettacolo che si gode sul Baldo. L’idea di una funivia accogliente anche per i visitatori con disabilità motorie, a seconda delle varie esigenze, sarà un traguardo che come Consiglio ci impegniamo a raggiungere durante il nostro mandato».

 

Verona, 16 aprile 2015

Mirella Gobbi

338/1037288

Taged in

Sorry, the comment form is closed at this time.