£0.00 (0 items)

No products in the cart.

£0.00 (0 items)

No products in the cart.

Grande afflusso di pubblico per le due marce: agonistica e non competitiva

Sono stati 340 gli atleti veronesi che hanno partecipato ieri alla marcia agonistica “Trail della speranza – Sentiero delle tre aquile”, che si è tenuta sul Baldo. Insieme a loro, oltre un centinaio di sportivi hanno invece corso i 10 chilometri non competitivi con partenza e arrivo dallo chalet Novezza.

Organizzata dal Gsd (Gruppo sportivo dilettantistico) Valdalpone, la sesta edizione del “Trail della speranza” si inserisce nell’ambito della 41° Montefortiana, che ha sui dislivelli del Baldo la terza e ultima prova del circuito Montefortiana Challenge. La marcia competitiva, infatti, presenta una percorso impegnativo con due varianti: 25 km e un dislivello di 1,250 metri, 35 km e dislivello di 1.900 metri. Molto meno impegnativo è invece il percorso dei 10 km, che comunque ha ottenuto l’omologazione Fiasp Verona.

La manifestazione si svolge sul percorso montano fra le faggete e pascoli alpini e percorre sia il versante est che quello ovest del Baldo, quest’ultimo rappresenta la novità di quest’anno che permette di vedere gli stupendi panorami del lago di Garda. Per accedere alle zone di gara era a disposizione la seggiovia di Prà Alpesina. La Protezione civile di Malcesine e di Riva ha fornito il supporto agli organizzatori per la buona riuscita della manifestazione.

Verona 20 luglio 2015

Mirella Gobbi

TRAIL-1
Taged in
Related Posts

Sorry, the comment form is closed at this time.